Anche quest’anno, la Chiesa Avventista ha previsto un fondo di 100.000 € destinato al finanziamento di progetti sociali nell’ambito della prevenzione di ogni forma di dipendenza. Il fondo destinato all’erogazione del bando “Liberi e Indipendenti” corrisponde a una parte del gettito 8xmille destinato dai contribuenti italiani alla Chiesa Cristiana Avventista e gestito attraverso l’Ente Opera Sociale Avventista (Ente OSA). Nello specifico, il bando 2019 è stato pensato per finanziare progetti di organizzazioni che intervengano sul fronte delle dipendenze col desiderio di rispondere in modo efficace al bisogno di tutela e salvaguardia della popolazione a partire dalle fasce più fragili e vulnerabili, come appunto i giovani. Infatti, ciò che ci si auspicava era la formulazione di progetti di prevenzione rivolti principalmente alla fascia giovanile, che intervenissero rafforzando i fattori protettivi e incrementassero le life skills personali del ragazzo per fronteggiare in modo critico i fattori di rischio. Sono oltre 100 i progetti pervenuti e, dopo una accurata fase di selezione (istruttoria), il Comitato Direttivo dell’Ente OSA (Opera Sociale Avventista) ha decretato i progetti vincitori:

  • Progetto #Officina dei giovani – Consorzio “Il Cerchio” (VT), che interviene nell’ambito della dipendenza da videogiochi con l’obiettivo di aiutare i ragazzi a uscire dall’isolamento sociale attraverso la realizzazione di laboratori e la creazione di un polo aggregativo;
  • Progetto Piano B – Borgorete SCS (PG), che interviene nell’ambito della dipendenza da sostanze (droghe, alcool e farmaci) intercettando i giovani nel momento in cui sono maggiormente a rischio, come per esempio durante le serate o nel fine settimana. I ragazzi intercettati con problemi di dipendenze possono poi essere presi in carico dal Servizio Sanitario Nazionale;
  • Progetto Dis-play – COOSS Marche Onlus (AN), che interviene nell’ambito della dipendenza da videogiochi con l’obiettivo di prevenire tale dipendenza e il conseguente isolamento sociale attraverso un servizio di sostegno psicologico rivolto ai ragazzi e alle famiglie, laboratori e interventi domiciliari.

Rinnoviamo il ringraziamento a tutte le organizzazioni che hanno presentato un progetto e ci complimentiamo con i vincitori.